E' una produzione tipica del medioevo letterario serbo: l'agiobiografia. L'ultima opera ascrivibile a questo genere è la Vita di Stefano Dečanski composta nel XIV secolo dal monaco di origine bulgara Gregorio Camblak. Una tesi di laurea. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

02/11/2011 -  Andrea Rapino

La nascita di uno stato serbo autonomo, il suo consolidamento e l'affermazione politica e militare nei Balcani e all'interno del Commonwealth bizantino, sono accompagnati dallo sviluppo di una produzione tipica del medioevo letterario serbo: l'agiobiografia. Con questo termine viene identificato il filone che si sviluppa dal XII-XIII secolo, e che rappresenta il più originale apporto serbo nel panorama culturale bizantino-slavo.

L'ultima opera ascrivibile a questo genere è la Vita di Stefano Dečanski composta nel XIV secolo dal monaco di origine bulgara Gregorio Camblak: su questo testo è incentrata la tesi, che ripercorre gli sviluppi della letteratura serba medievale parallelamente alle vicende politiche, partendo già dallo stanziamento nello spazio balcanico e dalla creazione delle prime compagini statali serbe autonome.

Le vicissitudini della dinastia fondata da Stefano Nemania, poi monaco con il nome di Simeone e quindi santo, sono caratterizzate dalla stretta interdipendenza tra Stato e Chiesa, dovuta anche ai legami famigliari: la sinergia tra potere terreno e spirituale trova un'ulteriore sintesi nella letteratura, che unisce in un unico filone l'agiografia e la letteratura celebrativa dinastica.

I tratti caratteristici dei due generi non sono infatti scindibili in quanto ogni re serbo, a partire da Nemania, esaurita la funzione di avveduto capo di stato e insuperabile condottiero sui campi di battaglia, indossa l'abito monastico, e dopo la morte diventa santo e protettore del suo popolo.

San Sava e il fratello Stefano Prvovenčani, rispettivamente primo arcivescovo e primo re di Serbia, inaugurano la produzione che esalta le gesta dei sovrani quali «zar religiosissimi e saggi»; ognuno di loro è «apostolo della patria» e «vincitore dei nemici barbari», ma allo stesso tempo il sovrano serbo possiede, nel solco della migliore tradizione cristiana, «la saggezza di Salomone, la dolcezza di Davide e la natura misericordiosa di Giuseppe».

Questo filone storico e letterario si spegne definitivamente con la Vita di Dečanski, scritta da Camblak quando la parabola politica ascendente della Serbia medievale è già giunta alla sua conclusione, e risultano vani i tentativi dei Lazarević di costruire una nuova e solida dinastia.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.