Gli anni '90 nei Balcani hanno lasciato dietro a sé rifugiati e profughi. Gli Stati della regione poco o nulla collaborano per garantire loro un futuro e queste vittime deli conflitti si trovano davanti una realtà politico-istituzionale frammentaria, complessa e tragica. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

01/08/2006 -  Anonymous User

Di Giovanni Punzo

Alla base dell'attuale situazione dei profughi e dei rifugiati sparsi un po' dappertutto nella penisola balcanica, si trovano almeno due ordini di ragioni: un complesso di motivi contingenti, legati principalmente alle recenti e drammatiche vicende delle guerre jugoslave che hanno segnato la fine del secolo scorso e altri di ordine per così dire strutturale legati alle società balcaniche e alle strutture statali che queste hanno espresso nel secolo scorso.

Come è stato acutamente osservato da uno storico tutta la storia dei Balcani potrebbe essere letta e interpretata infatti come un continuo flusso incrociato di popolazioni migranti in condizioni a volte di estrema difficoltà sotto la spinta di una persecuzione o più semplicemente di un rifiuto più o meno esplicito.

All'origine dell'attuale fenomeno del rifiuto del rientro opposto nei confronti dei profughi, dei tentativi di assimilazione forzata, delle politiche di pulizia etnica amministrativa o più in generale di esclusione dei 'diversi', esistono vari motivi storici, primo fra tutti quello che uno stato fondato sulla monoetnicità in realtà non è mai esistito, se non nelle origini leggendarie diventate invece temi dominanti di molte rifondazioni statali.

Un elemento indicatore di questa complessa e articolata situazione sono attualmente le politiche condotte in materia di cittadinanza dai nuovi stati balcanici, soprattutto se messe a confronto con l'evoluzione che questo concetto - alla base di ogni ordinamento democratico - ha avuto invece nell'Europa occidentale dal dopo guerra ad oggi e recentemente sotto la spinta originata dalle trasformazioni seguite al crollo del muro.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.