Ulisse

Nella Divina Commedia Ulisse muore in una scena tragica e grandiosa fuori dal tempo, lontano da tutti, ai confini del mondo conosciuto. L'Ulisse di molte generazioni di spettatori televisivi, invece, è morto martedì 15 giugno a Belgrado. Suicida. Era Bekim Fehmiu, una delle stelle di prima grandezza del cinema jugoslavo, nato a Sarajevo nel 1936, da una famiglia albanese originaria del Kosovo.

“La disgregazione della Jugoslavia, la guerra fratricida, la distruzione di Vukovar, il bombardamento di Dubrovnik, l'assedio di Sarajevo, la guerra in Kosovo, il bombardamento di ciò che restava della Jugoslavia, hanno spinto mio padre a isolarsi sempre di più”, aveva scritto tempo fa il maggiore dei suoi due figli.

Ora, per una volta, albanesi e serbi (ma anche tutti gli altri abitanti di quella che una volta era la Jugoslavia) piangono insieme un uomo e un artista che in tanti film li ha uniti e fatti sognare. La moglie, Branka Petrić, anche lei attrice famosa, ha ricevuto in questi giorni migliaia di telegrammi di condoglianze.

EVENTO ON-LINE: Rallentare o accelerare l'ingresso dei Balcani occidentali nell'Ue? Dì la tua e partecipa al dibattito on-line

18/06/2010 -