Nemici e vecchi amici

Nel corso degli anni, quasi tutti i leader storici dei ribelli indipendentisti ceceni sono stati uccisi. Nel movimento vi sono sempre meno volti noti, ma gli attacchi continuano. Per la leadership cecena, il “nemico” deve avere un nome. Quel nome, oggi, è Gakayev, racconta Majnat Kurbanova nel suo recente articolo.

E se qualcuno ha bisogno di nemici su cui poter scaricare i personali fallimenti, c’è anche chi si ritrova “vecchi amici” sotto nuove vesti. È l’ex segretario di Stato americano Madeleine Albright, protagonista dell'intervento armato della Nato nel 1999, ora alla guida della “Albright Capital Management LLC”, tra i gruppi in gara per assicurarsi la proprietà della PTK, l'operatore telefonico pubblico del Kosovo.

Vecchi amici che diventano nemici sembrano invece l’Unione europea e l’OHR. Un documento riservato mette in luce la sempre maggiore distanza che separa parte della diplomazia europea dall'Ufficio dell'Alto Rappresentante della comunità internazionale in Bosnia.

Dal bloc notes: Svilengrad, sul ponte di Mustafa Paşa; Vittime di sparizioni forzate, anche oggi; Sofia, apre la seconda linea della metropolitana

Letture: è uscito il numero di agosto del nostro Offline, per leggere Osservatorio liberi dalla connessione.

Sostieni OBC! Contribuisci con una donazione ad Osservatorio Balcani e Caucaso

30/08/2012 -