Salvagente

Il salvagente gettato dall'Ue a Cipro per evitare che la sua economia affondasse era bucato. La proposta europea prevedeva l'imposizione di un prelievo forzoso dai depositi bancari. Ed è stata rigettata dal parlamento della Repubblica di Cipro. E' comunque certo – riflette il nostro corrispondente – che non basterà votare contro per salvare i risparmi ciprioti.

In Montenegro il potere si è ritrovato improvvisamente nudo. Rimanendo nelle metafore marine è però improbabile che il governo in carica affondi. Certo è che lo scandalo seguito alla pubblicazione di registrazioni audio di una seduta interna al partito del premier Milo Đukanović influenzerà la corsa alla presidenza del paese: si voterà il prossimo 7 aprile.

Se dovessero sceglierne uno, lo sceglierebbero con i colori dell'arcobaleno. Ma agli attivisti LGBT del Kosovo il salvagente non serve. Coraggio ne hanno infatti molto e si battono per far valere i propri diritti subendo la reazione, spesso violenta e tollerata dalle istituzioni, di ampie frange omofobe presenti nella società kosovara. In settimana una nostra intervista.

Dal bloc-notes: La montagna visibile; Internet veloce: sognando la Romania; Slovenia: arriva il nuovo governo; Kosovo – Serbia: accordo in vista?; La Turchia è il vincitore economico in Iraq; Dopo mille anni, il patriarca di Costantinopoli all'intronazione di Francesco I; Cipro, le reazioni al piano di salvataggio.

Racconta l'Europa all'Europa: ogni venerdì le trasmissioni di Roberto Spagnoli su Radio Radicale e di Stefano Lusa su Radio Capodistria

Dai il tuo sostegno a OBC! Puoi farlo in vari modi . Anche con le parole, perché il tuo apprezzamento e le tue critiche ci sono preziosi

21/03/2013 -