Due movimenti. Con in comune l'amore per la valorizzazione dei territori

02/02/2012 - 

Viaggiare i Balcani

Viaggiare i Balcani (ViB) nasce nel 2002 dall'iniziativa delle associazioni trentine “ Associazione Progetto Prijedor” e “ Associazione Tremembè” come programma specifico dedicato allo sviluppo del turismo responsabile nell'Europa sud-orientale.

Il progetto, nato a partire dalle relazioni di cooperazione comunitaria ormai consolidate fra l’associazionismo trentino e diversi territori dell’Europa di mezzo, ha avuto ed ha come obiettivo quello di far conoscere una regione della quale in genere si colgono solo gli stereotipi e i luoghi comuni, quando in realtà vi ritroviamo straordinarie ricchezze sia di carattere ambientale che culturale, ma anche tracce importanti di una comune storia europea.

L’esito di sei anni di attività è stato positivo e, a partire da questa nostra iniziativa, l’idea di un turismo intelligente sensibile all’ambiente, alle culture, alle tradizioni e ai saperi locali, ma anche attento alle vicende che lungo la storia e da ultimo negli anni novanta hanno segnato questa parte d’Europa, si è fatta largo, divenendo un ambito di ricerca e di lavoro per numerose realtà della regione.

Nel dicembre del 2008, al settimo anno di attività, proprio per lo sviluppo e la complessità delle attività in corso, “Viaggiare i Balcani” è diventato un soggetto giuridico autonomo, costituendosi come associazione di promozione sociale. Attraverso il nostro portale web, la formazione e le proposte di viaggio tentiamo ogni giorno di avvicinare il maggior pubblico possibile alla conoscenza di questa straordinaria regione:

• Il portale web. Una piattaforma interattiva e multilingue. “Viaggiare i Balcani” è il primo sito italiano sul turismo responsabile nell’Europa sud-orientale.
• La formazione. Corsi scolastici, progetti di formazione per operatori di turismo responsabile, percorsiformativi volti a diffondere la conoscenza e sostenere l’interesse verso la regione.
• Viaggi e itinerari. “Viaggiare i Balcani” è anche un luogo di proposta per viaggi intelligenti a loro volta in rete con altre esperienze di turismo responsabile diffuse nella regione del sud-est Europa.

Slow Food

Fondata nel 1989 da Carlo Petrini, Slow Food conta più di 100.000 soci attivi in tutto il mondo e ha associazioni nazionali in Italia, Germania, Svizzera, Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Paesi Bassi.

Grazie alla sua attività e ai suoi progetti, il movimento Slow Food coinvolge milioni di persone in tutti i continenti. Nel 2004 infatti Slow Food ha dato vita a Terra Madre, la rete che riunisce tutti coloro che vogliono agire per preservare, incoraggiare e promuovere metodi di agricoltura, pesca, allevamento e produzione alimentare sostenibile in armonia con la natura, il paesaggio e la tradizione. Metaforicamente parlando, Slow Food e Terra Madre possono essere pensati come un patchwork, dove il filo rappresenta i soci dell'associazione e il tessuto le comunità del cibo di Terra
Madre. Insieme formano una rete capillare i cui elementi sono interdipendenti e talvolta si sovrappongono, capace di dare voce a coloro che, da soli, non sarebbero ascoltati.

Slow Food si propone di cambiare la relazione quotidiana delle persone con il cibo attraverso i princìpi del buono, pulito e giusto. Il buono è legato al piacere derivante dalla qualità organolettica di un alimento; il pulito è legato al rispetto degli ecosistemi e dell’ambiente; il giusto si riferisce alla giusta remunerazione dei produttori, per l’equità delle relazioni sociali negli ambienti di produzione e nel sistema di commercializzazione.

L’evento principale di Terra Madre è il meeting biennale di Torino, che nel 2012 si è svolgerà dal 25 al 29 ottobre, insieme al Salone del Gusto. L’incontro riunisce per cinque giorni oltre 5000 rappresentanti di comunità del cibo, cuochi, docenti, giovani e musicisti provenienti da tutto il mondo e impegnati a promuovere una produzione alimentare locale, sostenibile, in equilibrio con il pianeta e rispettosa dei saperi tramandati di generazione in generazione. (www.terramadre.org)

Per salvaguardare, diffondere e promuovere la biodiversità, per consentire alle comunità locali di vivere bene, Slow Food, tramite la sua Fondazione, coordina e promuove progetti a sostegno dei piccoli produttori: Presìdi, Mille orti in Africa, Mercati della Terra e Arca del Gusto. Il suo impegno principale è focalizzato sui paesi del Sud del mondo, dove la biodiversità è ancora più esposta agli effetti devastanti della produzione alimentare intensiva e del mercato globale, e dove la salvaguardia del patrimonio agroalimentare tradizionale è vitale per la sopravvivenza stessa delle comunità locali. (www.fondazioneslowfood.it)

Ogni anno, il 10 dicembre, in tutta Italia e nel mondo con il Terra Madre Day, la rete di Slow Food e delle comunità del cibo, dei contadini e dei produttori di piccola scala, dei cuochi responsabili e dei consumatori consapevoli celebra la diversità alimentare e festeggia mangiando locale. Per saperne di più: www.slowfood.it/terramadreday


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.