I datori di lavoro spremono, i sindacati latitano, il governo tace, e i lavoratori scendono in strada. La situazione del lavoro in Macedonia in questa ''cronaca di una contrattazione collettiva mancata". Un ulteriore contributo al nostro dossier sul lavoro

26/09/2007 -  Anonymous User

Fonte: OneWorld SEE

Mentre stiamo scrivendo questo articolo, un gruppo di cittadini sta scioperando in terribili condizioni, motivato dal fatto che pur avendo lavorato per più di 25 anni, sono stati lasciati senza alcun reddito perché le loro compagnie sono andate in bancarotta. Questi "lavoratori in bancarotta" non sono in grado di ottemperare ai requisiti né per il pensionamento né per ricevere sussidi sociali dall'Ufficio del lavoro; chiedono dunque al governo di risolvere il loro problema, o trovando loro un lavoro o garantendo loro un sussidio mensile di 100 € (si spera) fino a quando non avranno i requisiti necessari per il pensionamento.

Ogni giorno lavoratori muoiono o si feriscono gravemente sul loro posto di lavoro. Un operaio della "Granit" Compagnia di Costruzioni è rimasto sepolto sotto una roccia mentre stava lavorando all'apertura di una strada verso la centrale idroelettrica di "Svetka Petka". Un altro è rimasto ucciso installando un sistema di ventilazione in Delcevo. Un meccanico è finito schiacciato sotto una placca di metallo mentre riparava un camion. Un altro ancora è morto nel gonfiare la ruota di un trattore esplosa perché non era stata inserita, come il regolamento richiede, nella speciale gabbia di metallo che permette di prevenire esattamente tale eventualità. Le lavoratrici del settore tessile cadono prive di sensi mentre lavorano a temperature che in estate possono superare i 40 gradi C°. Non riescono a respirare perché i datori di lavoro non hanno installato sistemi di ventilazione o di condizionamento.

La prevenzione dei rischi sul lavoro è praticamente inesistente. Gli ispettori del lavoro e i rappresentanti dell'Associazione per la Protezione sul Luogo di Lavoro concordano sul fatto che ai lavoratori mancano appropriate condizioni lavorative. I proprietari non si curano molto della salute dei loro dipendenti. Tutto ciò che importa sono profitti esorbitanti in poco tempo.

"Gli imprenditori mirano veramente a spremere tutto ciò che possono dai loro operai", dice Agim Satiri, Capo della sicurezza sul lavoro per l'Ispettorato statale del lavoro. "Oggi, l'unica definizione di salute e sicurezza nel lavoro contemplata è che un lavoratore riceva la sua busta paga regolarmente e che i suoi contributi sociali siano versati. Tuttavia, un lavoro protetto e sicuro è molto più di questo."

Gli alti tassi di disoccupazione e la povertà dilagante costringono i lavoratori ad accettare qualsiasi lavoro venga loro offerto. Nemmeno la considerano, la sicurezza sul posto di lavoro, sia in un cantiere edile, in miniera o in fabbriche tessili.

In Macedonia la transizione cominciò nello stesso periodo di tutti gli altri paesi dell'Europa orientale, nel 1991. Ebbe anche il medesimo significato che negli altri contesti, cioè una grande svolta sia nelle relazioni economiche e politiche sia nelle circostanze, con l'introduzione dell'economia di mercato e della democrazia politica. Il fardello maggiore derivato da questi cambiamenti, in particolare la privatizzazione delle compagnie che prima erano di stato e socializzate, ricadde sui lavoratori e sulle lavoratrici. Per bancarotta, insolvenza, cassa integrazione o qualcos'altro ancora, molti lavoratori persero il lavoro.

D'altra parte, la mancanza di adeguate politiche sociali per alleviare le conseguenze della crescente disoccupazione ha fatto sì che i lavoratori percepissero una forte insicurezza sociale. Secondo l'Ufficio Nazionale di Statistica il salario medio netto in Macedonia era nel gennaio 2007 di 13,884 dinari (all'incirca 230 €). Ancora, il 13,5% degli occupati non ricevevano quanto avevano guadagnato. Sul totale della popolazione attiva, 578,810 persone avevano un impiego,mentre il 35,9% rimaneva disoccupato.

In base alla legge sui rapporti di lavoro, la settimana lavorativa è di 40 ore (per i lavoratori a tempo pieno). L'accordo di contrattazione collettiva stabilisce che, per chi lavora in posizioni particolarmente difficili, dure e rischiose e se gli effetti dannosi non possono essere completamente eliminati con misure di protezione, la settimana lavorativa possa essere ridotta a non meno di 30 ore settimanali.

Il salario è garantito dagli utili del datore di lavoro, è proporzionale al lavoro svolto e al contributo del lavoratore ai guadagni e profitti dell'azienda, concordemente ai termini e alle condizioni espresse nella legge e nell'accordo collettivo.

Tuttavia, poco di quello che la legge prescrive è effettivamente applicato nella pratica. Spesso i lavoratori sono costretti a lavorare 12 ore al giorno (che farebbero 60 ore alla settimana) per uno stipendio di 6,000 dinari (circa 100€). Ancora, spesso sono assunti e lavorano illegalmente, senza che i loro contributi sociali siano versati e regolati, il che è una violazione criminale.

La forte disoccupazione produce un ulteriore problema inerente alla protezione dei diritti dei lavoratori. Al tasso di disoccupazione attuale, i lavoratori sono semplicemente troppo intimiditi per perseguire l'applicazione dei loro diritti, dal momento che è stato dimostrato tante volte come i datori di lavoro considerino la soluzione più efficace licenziare "i ribelli" e assumere nuove persone al posto loro, che siano disposti a prevenire la sparizione dei loro miseri assegni dimostrando maggior tranquillità.

Il movimento sindacale in Macedonia non conosce o non vuole usare il potere di cui dispone per migliorare la situazione complessiva della classe lavoratrice. Questa è l'opinione di Lazar Jovevsky; il suo "Contrattazione collettiva" è il primo libro a trattare delle difficoltà dei sindacati e dei loro rapporti e negoziazioni con governo e camere di commercio del paese. Jovevsky afferma che nell'Unione Europea e negli USA è normale che i partiti politici cerchino sostegno elettorale e politico dai sindacati, i quali a loro volta usano questa efficace arma per lottare per i loro diritti. Egli ritiene che il governo non dovrebbe evitare il fatto che ha un interesse ad attrarre e canalizzare le dirigenze sindacali verso le sue piattaforme politiche; allo stesso tempo i sindacati dovrebbero fare la loro parte e tenere duro con le loro richieste e linee politiche, facendo così pressione affinché il Governo dia miglior protezione ai diritti sindacali.

Il fatto è che in Macedonia i sindacati nemmeno riescono ad accordarsi su chi li dovrebbe rappresentare; così, sebbene ce ne sia un gran bisogno, non riescono ad agire così come controparte del governo quando c'è da negoziare. In base alla legislazione attuale, ogni sindacato sostenuto da più di un terzo dei dipendenti di un industria o di un settore sarà legittimato ad avviare negoziazioni con i datori di lavoro o con il governo. L'istituzione di una commissione unificata che fosse in grado di esercitare una maggior influenza sui partner sociali nella contrattazione collettiva dovrebbe essere semplicemente una formalità. O forse no?


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.