Venti anni fa, il 5 aprile 1992, a Sarajevo i cecchini iniziarono a sparare su una folla di dimostranti che manifestava per la pace. Cominciava l'assedio della città, e una nuova guerra nel cuore dell'Europa. In Italia, migliaia di persone si mobilitarono per dare il proprio sostegno alle vittime, portare aiuti, ospitare i profughi. La vittoria dei nazionalisti ha però lasciato una difficile eredità, cambiando profondamente il volto della Bosnia Erzegovina e dell'Europa. Venti anni dopo Osservatorio cerca di raccontare questi cambiamenti, perché il futuro della Bosnia è anche il nostro futuro

13/03/2012 -