Nato a Rimini nel 1947 si laurea presso l'Università di Urbino in Lettere nel 1969, successivamente in Filosofia (1972) e in Sociologia (1979). Dal 1971 è ordinario di lettere nei licei e, contestualmente, è collaboratore didattico presso l'Istituto di Filologia Moderna della stessa Università, fino al 1988 incaricato dell'insegnamento di Sociologia della Letteratura presso il corso di specializzazione post-laurea.

Parlamentare alla Camera dei Deputati dal 1987 al 1996 nella X, XI e XII Legislatura con vari incarichi di presidenza di Commissioni. È in questa veste inviato in qualità di Osservatore dell'ONU in Cambogia e Mozambico. Dal 1997 al 2000 è Consigliere diplomatico per il Governo italiano a Tirana presso la Delegazione Diplomatica Speciale e responsabile delle iniziative di cooperazione a sostegno e riforma del sistema formativo scolastico e universitario albanese. Nonché Consigliere presso il Ministero della Pubblica Istruzione per l'area balcanica. Successivamente è nominato Consigliere presso il Ministero degli Affari Esteri italiano con numerosi incarichi in Albania e in Cina.

Saggista e sociologo della letteratura e dell'arte è autore di diverse pubblicazioni dedicate alla cultura letteraria italiana contemporanea. Nel 1979 pubblica il volume Sociologie del fatto letterario (Roma, Studium 1979) cui seguirà con Rosita Copioli Immagini di parole (Maggioli1982) un'antologia della poesia italiana del secondo '900. Alcuni anni dopo, curerà gli atti del convegno bellariese tenutosi nel 1983, Alfredo Panzini nella cultura letteraria italiana tra '800 e '900 (Maggioli, 1986). È autore inoltre di una monografia intitolata al poeta dialettale Giustiniano Villa (Milano, 1992) e di uno studio, Romagna Futurista (Maggioli, 1983) sulla presenza dell'avanguardia marinettiana nella cultura regionale.

Insieme a Rosangela Sportelli, pubblica la prima antologia in Italia della poesia albanese del '900, Poeti della terra d'Albania (Bologna, In Forma di Parole, 2002). Per la stessa casa editrice cura la plaquette di Dritero Agolli A mia madre la bella Atixhè (Bologna, In Forma di Parole, 2006)Suoi i saggi La scrittura e la posta in gioco e Tirana: genealogia di un ritratto in esternoapparsi rispettivamente in Balcanica (Edizioni Diabasis, 2008) e Tirana 1923-1943 (Roma, Prospettive Edizioni, 2011). Ha collaborato inoltre alla pagina culturale di diversi quotidiani albanesi.

Ha collaborato e collabora a quotidiani italiani e a numerose riviste italiane tra cui “Arte-Mondadori”, ”Sociologia della letteratura”, ”La critica sociologica”, ”Humanitas”.

Dirige per l'editore Pazzini la collana di poesia dialettale “Parole nell'Ombra” ed è consulente della case editrice Diabasis di Reggio Emilia per progetti editoriali dedicati all'area balcanica.